Macchie sulla pelle

Quando preoccuparsi?

Cheratosi attinica, macchie solari, psoriasi, melanoma: le macchie sulla pelle non sono tutte uguali. Fai il test, scopri come riconoscerle e, in caso di dubbi, parlane al tuo dermatologo.

Puoi suggerire anche a una persona a te cara di compilare il test: potresti aiutarla ad identificare problematiche cutanee meritevoli di controllo.

Facciamo il punto sulla cheratosi attinica

Sai che?

La cheratosi attinica è una lesione pre-cancerosa che può evolvere in un tumore cutaneo, il carcinoma a cellule squamose (SCC)

Si manifesta sulla pelle con piccole lesioni o macchie secche, ruvide o squamose

È più diffusa tra coloro che presentano un’età avanzata e un fototipo chiaro

È prevalentemente causata da un’esposizione cumulativa ai raggi UV

Come individuare la cheratosi attinica

Segni e sintomi

Conosciuta anche come cheratosi senile o solare, le sue tipiche lesioni o macchie sulla pelle compaiono per l’80% su aree del corpo esposte al sole. Negli stadi iniziali possono essere più facili da sentire alla palpazione che da vedere.

Caratteristiche prevalenti

Diametro fino a 1-2 cm

Comparsa su viso, cuoio capelluto, avambracci e dorso delle mani

Bordi irregolari

Di aspetto secco, ruvido o squamoso, talvolta in rilievo

Di colore rosso, marrone, bianco o rosa

Singole o multiple

Solitamente asintomatiche, talvolta dolorose

I numeri della cheratosi attinica

Una patologia da non sottovalutare

Degli italiani che si rivolgono al dermatologo ha la cheratosi attinica

Di chi presenta lesioni da cheratosi attinica non ha mai ricevuto una diagnosi

Delle lesioni può evolvere in una forma invasiva di tumore cutaneo (SCC)

Dei carcinomi a cellule squamose (SCC) origina da cheratosi attiniche

Fattori di rischio

Il principale è l’esposizione cronica ai raggi UV

Tra le persone a maggior rischio, coloro che hanno accumulato anni di esposizione solare senza un’adeguata protezione, per ragioni lavorative (es. agricoltura, pesca, edilizia) o ricreative (es. abbronzatura, tennis, golf).

Altre condizioni

Più a lungo si è stati esposti al sole, maggiori sono le probabilità di cheratosi attinica. Secondo alcuni studi, ne soffre circa il 10% delle persone tra i 70 e i 79 anni, percentuale che sale a quasi il 15% negli over 80. Ma i numeri potrebbero essere molto superiori.

Gli uomini vengono colpiti quasi il doppio rispetto alle donne perché il loro cuoio capelluto, spesso soggetto a calvizie, è vulnerabile al fotodanneggiamento. Inoltre, è più comune che lavorino all’aria aperta e abbiano una minore propensione all’utilizzo di protezioni solari.

La cute chiara – meno ricca di melanina – è più vulnerabile agli effetti dei raggi solari. Ciò non significa che le pelli più scure siano esenti dal pericolo, perché il danno prodotto dalle radiazioni ultraviolette si produce per accumulo.

Il rischio di sviluppare la cheratosi attinica è maggiore in chi abbia un sistema immunitario indebolito da trattamenti medici come chemioterapia o terapia immunosoppressiva, o soffra di patologie che riducano il funzionamento del sistema immunitario come leucemia, linfoma o HIV.

Possono indicare la presenza di fattori genetici associati a una maggiore suscettibilità alle radiazioni UV e alla cronicità dell’esposizione alle radiazioni UV a cui la persona sta stata esposta.

Occhio al fototipo

Conosci il tuo?

Il sistema dei fototipi di Fitzpatrick classifica il tipo di pelle in base alla reazione all’esposizione ai raggi UV. Il tuo fototipo è 1 o 2? Attenzione, la tua pelle è più a rischio di sviluppare danni solari.

Prevenzione della cheratosi attinica

Le mosse per salvarti la pelle

Sottoponiti a visite periodiche dal dermatologo. La diagnosi precoce della cheratosi attinica permette di rimuovere tutte le lesioni e prevenire il rischio di tumore cutaneo.

Altre abitudini indispensabili

Controlla periodicamente che non compaiano macchie nuove o insolite sulla pelle

Mai senza crema protettiva, ed evita di utilizzare lampade e lettini abbronzanti

Utilizza prodotti protettivi ad ampio spettro (UVA e UVB), resistenti all’acqua e con SPF30 e oltre

Applica la protezione solare almeno 20 minuti prima di esporti al sole, e poi ogni 2 ore

Indossa un cappello a tesa larga, occhiali da sole e abbigliamento protettivo

Riparati, per lo meno in estate nelle ore più calde (dalle 10 alle 16)

Scopri il tuo tipo di macchie sulla pelle

E se fosse cheratosi attinica?

Compila il test, o fallo compilare a una persona a te cara, per comprendere meglio la cheratosi attinica.

Con il contributo non condizionante di:

© DERMA-POINT.IT - UPVALUE SRL | C.F. P. IVA E ISCR. REG. IMPRESE MILANO N. 04587830961 - PRIVACY